lunedì 14 luglio 2014

Rare 7 Inches Week: Day 2, Faust'O




Salve, eccoci nel secondo giorno della settimana random con 7 pollici rari...per questo giro mi avventuro nella storia pura della wave italiana...mi è venuto in mente di condividere un mini dischetto di un artista wave davvero cruciale...non vedendo ancora in nessun posto questo suo lavoro ho pensato che forse potevo sottoporlo io ad una mini-attenzione...l'artista in questione è....


FAUST'O



E' un tributo cari miei/care mie, ad un personaggio che stimo moltissimo e che ha decisamente fatto la storia della musica alternativa italiana (un solito sconosciuto illustre ai più..). 
Molti critici lo hanno ribattezzato (non ha torto e già da inizio carriera) il David Bowie del rock all'italiana. Come Bowie infatti ha anticipato nel proprio contesto (nel presente caso, quello asfittico della proposta musicale italiana) tendenze che sarebbero state meglio sondate negli anni immediatamente successivi.

Fausto Rossi (questo il nome completo del 'duca bianco italiano') ha coltivato fin da giovanissimo una formazione musicale del tutto originale e dai forti riferimenti internazionali. 
Da Sacile (Pordenone..dove ci sarebbe stato il Great Complotto...questa terra era decisamente vocata a produrre avanguardia in quegli anni..) presto si trasferì con la famiglia a Milano dove in una dimensione quasi solipsistica coltiverà ascolti musicali davvero sui generis per un ragazzo italiano di quegli anni: tanto rude garage 60s, il surf dei Beach Boys, il primo proto-punk (MC5/Stooges) e le avanguardie americane anni 70 (Hendrix e Velvet Underground su tutti).
Sarà questo suo bagaglio conoscitivo che lo porterà a fare musica originale (sempre per il contesto italiano) sul finire degli anni 70 --> quando nello stivale quasi tutti si dibattevano nel campo della musica rock o alternativa con dettami metabolizzati già da un bel pezzo...
Dopo aver maturato contatti importanti nell'ambiente musicale milanese, la lungimirante label Ascolto (gestita da Caterina Caselli e da un suo staff) imparentata con la CGD (l'etichetta gestita dal marito della Caselli, altro circuito produttivo molto importante per la n.w. italiana) concesse a Fausto la fulminante uscita nel 1978 di un Lp rivoluzionario: 'Suicidio'. Un lavoro davvero avanti, anticipatore delle tematiche intimiste che avrebbero caretterizzato il successivo ambiente dark musicale (non solo italiano, visto l'anno..). Un avvio che difatto contribuì, assieme a pochissimi altri lavori del nostro paese di allora, ad importare la new wave in Italia. 
Questa sua prima produzione, seppur attraversata da rimandi ad altre sonorità tipiche dei tardi anni 70, rientra di diritto nel campo dell'avanguardia vera: un anno di anticipo su quasi tutti i musicisti italiani che si sarebbero definiti waver.

Fatto questo incredibile esordio, Fausto avrebbe completato l'assalto alle nuove sonorità con altri due album fondamentali: 'Poco Zucchero' (1979) e 'J'Accuse... Amore Mio' (1980).
Fra questi fantastici lavori tanti brani-perla della prima new wave italiana: 'Benvenuti tra i rifiuti', 'Godi', 'Vincent Price', 'Funerale a Praga' (già coldwave e minimal...). 'Radioattività', 'Hotel Plaza' etc.. . 

Grande curatore dei testi, fin da questa prima sfornata sviscererà una grande carica libertaria, con pochi eguali nella storia della musica italiana (magari si ispirassero oggi a lui quanti provano a dir qualcosa..in confronto sento parecchie pecore timide...con tutto il rispetto per le pecore..).

Dopo aver così mirabilmente dato alle stampe nel nostro bel paese il manuale cencelli della new wave con tutti i crismi di quella internazionale, non pago, il nostro Fausto, fece un album shock nel 1982 (che venne anche mal digerito da certa critica di allora..): 'Out Now'. 
Qui ancora una volta anticipò i tempi, preconizzando un certo dark ambient contaminato d'elettronica che sempre nel nostro beneamato posticino del mondo avrebbe avuto maggior sondaggio tra i musicisti alternativi di inizio anni 90. 

Compiuto questo ulteriore passaggio ancora avanti!, uscirono altri due album di elegante synthpop a nome Faust'O: un self-titled e 'Love Story'. 

Ad inizio degli anni 90 il nostro riassunse definitivamente il suo nome completo per le sue nuove produzioni e collaborazioni (tra cui in questa fase quelle coi Massimo Volume e con il duo sperimentale milanese La 1919). 

Da qui fino ai nostri giorni Fausto Rossi ha continuato sempre a coltivare una sua straordinaria dimensione sperimentale ed originale, proponendosi in tempi recenti anche in una chiave acustica (che gli ha valso tante date accompagnato dal suo valido giro di amici-musicisti).
Qui ad ogni modo potete seguirlo e saperne di più: http://www.faustorossi.net/ .


Bene, dopo cotanto omaggio quasi sintetico alla sua grandiosa camminata artistica..provo ora a condividere un suo 7 pollici che non ho notato in condivisione su altri luoghi virtuali (-avviso per i lettori: cuoriosare sul blog TheColdtears per altro suo materiale potrebbe non risultare sbagliato...-)..ecco a voi...


'Anche Zimmermann / Kleenex (7'' 1978)'



Il presente dischetto fu prodotto nello stesso anno d'esordio di Suicidio (1978 quindi) e raccoglie due brani che non finirono su questo primo Lp targato Faust'O (stessa etichetta: Ascolto/CGD). 
Entrambi i brani risentono di prime forti intuizioni new wave (se fosse stato a Londra chissà quale altra fortuna avrebbe avuto il nostro Fausto..).
Nel ritmo spicca l'ironica 'Anche Zimmermann', dove il nostro autore d'avanguardia -magari a sua insaputa- prende un po' in giro un'altra avanguardia, quella di Bernd Alois Zimmermann -che comunque ammirava-. Decisamente diversa la b-side 'Kleenex': più elettro e cupa ma non per questo meno ironica..che testi eccezionali anche qui per Faust'O!.
Buon Ascolto...


Special 7 Inches Week --> Day 2, description in english: today here a rare little record from the early period of the solist Faust'O ( http://www.faustorossi.net/ ), a sort of legendary artist of the early italian wave scene with 3 great works between the period 78-80: 'Suicidio', 'Poco Zucchero' and 'J'Accuse... Amore Mio' (with other really good releases from 1982 to 1985). 
For his peculiar and large contribution to the development of the italian alternative music (between 70's and 80s) in the world of the national critics is called the 'italian David Bowie'. 
The 2 tracks of this 7 inches produced in 1978 show rare examples of first italian new wave rhythms: 'Anche Zimmermann' more frenetic and 'Kleenex' with electro bases and a sort of dark scent.

Please Enjoy

http://www.4shared.com/zip/f7ScDI5Dce/fausto_7-1978.html


A domani per la terza proposta calibro 7.

Saluti.



3 commenti:

  1. Eccezionale!: il post, l'argomento e i "consigli"
    Faus'O è sicuramente uno degli artisti più sottovalutati della storia di tutta la musica italiana; "Benvenuti tra i rifiuti" è sempre stata una delle mie canzoni preferite quando ero più giovane e gli scambi di cassette tra amici erano l'unico mezzo a disposizione per conoscere musica e artisti nuovi.
    Il tuo blog e i tuoi post impeccabili sono fondamentali per far riemerge dall'oblio tutta una serie di meraviglie sconosciute.
    Gran bel lavoro.
    Gazie

    Ora me lo riascolto.
    ciao.

    RispondiElimina
  2. Grande 'Ant'...tu si che enfatizzi i miei tentativi condivisori..sentiti anche il dischetto dei Teobaldi Rock...a domani per un altro giro :) e W Faust'O..sempre!

    RispondiElimina
  3. Provvedo subito...Quelli non li conosco proprio.
    W Faust'O!

    RispondiElimina